La Lega Giovani Lecco e l’arte della diffamazione

Lecco, 22 luglio 2020

Lettera ai ragazzi della maturità

Lecco, 16 giugno 2020

Il Colibrì – Recensioni ai tempi del Covid

Viganò, 4 giugno 2020
di Giulia Mauri – laureata in Lettere, circolo di Merate

#Ripartenza… E la scuola?

Vercurago, 28 maggio 2020
di Monica Corti – assegnista di ricerca al Politecnico di Milano, circolo di Lecco

Mille strati non proteggevano da questo dolore

Olginate, 25 maggio 2020
di Erika Crivicich – medico, laureata all’Università degli Studi di Pavia

Davvero basta la tecnologia?

Bevera, 21 maggio 2020
di Davide Magni – professionista nell’ambito della sicurezza informatica, circolo di Alta Brianza e Laghi

Mi sento fortunato per il lavoro che faccio

Annone Brianza, 18 maggio 2020
di Giada Martinoia – studentessa d’Ingegneria e Segretario del Circolo di Alta Brianza e Laghi – e Martina Colli – studentessa al liceo linguistico e membro del circolo di Alta Brianza e Laghi

Quando un Teatro conta meno della Serie A

di Katia – 26 anni, cantante lirica e studentessa di conservatorio

Nessuno verrà abbandonato

Annone Brianza, 11 maggio 2020
di Giada Martinoia – studentessa d’Ingegneria e Segretario del Circolo di Alta Brianza e Laghi – e Martina Colli – studentessa al liceo linguistico e membro del circolo di Alta Brianza e Laghi

Riflessioni geografiche ai tempi del Covid-19

Come è cambiato di colpo il nostro rapporto con lo spazio e quanto dobbiamo stare attenti a tornare alla normalità

Abbadia Lariana, 7 maggio 2020
di Pietro Radaelli – studente di Scienze umane dell’ambiente, del territorio e del paesaggio, circolo di Lecco

Stato e fede ai tempi del Covid-19

Oggiono, 30 aprile 2020
di Andrea Gianola – studente di Scienze e Tecnologie Alimentari, responsabile Organizzazione Tesoreria e Tesseramento GD Lecco

Quando il telefono ha iniziato a squillare

Annone Brianza, 27 aprile 2020
di Giada Martinoia – studentessa d’Ingegneria e Segretario del Circolo di Alta Brianza e Laghi – e Martina Colli – studentessa al liceo linguistico e membro del circolo di Alta Brianza e Laghi

Perché sarà sempre necessario festeggiare il 25 Aprile

Lecco, 25 aprile 2020
di Michele Castelnovo – giornalista, circolo di Lecco

Assuefazione alla tragedia

Oggiono, 23 aprile 2020
di Mattia Fumagalli – studente di Biologia, circolo di Alta Brianza e Laghi

Sentire il virus che si avvicina (e non poter far nulla)

Lecco, 20 aprile 2020
di Stefano Vassena – giornalista, responsabile Comunicazione GD Lecco

Partire per ricominciare

Lecco, 18 aprile 2020

Ragazzi, facciamo la nostra parte

Lecco, 10 marzo 2020

Sindaci, dite “no” al rinnovo a Trenord

Lecco, 17 febbraio 2020

Trasporti: i risultati del nostro sondaggio

Lecco, 29 gennaio 2020

Con Mauro Gattinoni e la coalizione progressista, per una Lecco che guardi ai giovani

Lecco, 23 gennaio 2020

Trasporti: un costo che pesa sul diritto allo studio

Un sondaggio per dare voce agli studenti sarà distribuito nei prossimi giorni



Libri, cancelleria, tassa “facoltativa”. Riparte la scuola e, con essa, tornano i costi per le famiglie lecchesi, cui si aggiunge una spesa ulteriore spesso non ripagata in termini di qualità e puntualità del servizio: quella per il trasporto pubblico, utilizzato ogni giorno dagli studenti che si muovo da e per Lecco.

Aggiungendo, infatti, al costo della scuola quello dei trasporti locali – aumentato rispetto allo scorso anno e, secondo le previsioni, in aumento del 2% nel prossimo -, si rischia che l’istruzione sia vissuta dalle famiglie come un onere e che gli studenti vedano nella scuola una spesa che grava unicamente su di loro. Ad esempio, calcolando una media di 600 euro annui per il solo trasporto, si raggiunge un costo di 3000 euro per studente per i 5 anni delle scuole superiori.

«Alcune amministrazioni sono già intervenute pagando in parte o totalmente gli abbonamenti degli studenti ma serve un investimento regionale: il nostro ambizioso obiettivo è che per gli studenti il costo sia zero, per garantire davvero a tutti il diritto allo studio – aggiunge Manuel Tropenscovino, Segretario per i GD della provincia di Lecco –. Vogliamo proporre delle soluzioni per aiutare le famiglie, collegandoci ai temi fondamentali del rispetto ambientale e della promozione di una mobilità sostenibile. Per questo abbiamo deciso di coinvolgere gli studenti, ma non solo, in un sondaggio che sarà distribuito nei prossimi giorni».

Ascolto, sensibilizzazione e mobilitazione: queste le tre parole chiave del sondaggio sul trasporto pubblico locale per dare voce a chi usufruisce del trasporto pubblico provinciale, con un’attenzione particolare agli studenti e al trasporto su gomma.

«Per questa ragione abbiamo scelto l’inizio del nuovo anno scolastico per lanciare l’iniziativa, nata a seguito di un lavoro di analisi della situazione delle linee lecchesi – è il commento della responsabile Territorio Laura Bartesaghi –. Crediamo nella necessità di un servizio migliore e che il costo del trasporto non debba ricadere sulle famiglie».

Il sondaggio sarà distribuito fuori dalle scuole e dalle stazioni e sarà condiviso sui nostri canali social (Facebook, Instagram, Twitter).

Libri, cancelleria, tassa “facoltativa”. Riparte la scuola e, con essa, tornano i costi per le famiglie lecchesi, cui si aggiunge una spesa ulteriore spesso non ripagata in termini di qualità e puntualità del servizio: quella per il trasporto pubblico, utilizzato ogni giorno dagli studenti che si muovo da e per Lecco.

Aggiungendo, infatti, al costo della scuola quello dei trasporti locali – aumentato rispetto allo scorso anno e, secondo le previsioni, in aumento del 2% nel prossimo -, si rischia che l’istruzione sia vissuta dalle famiglie come un onere e che gli studenti vedano nella scuola una spesa che grava unicamente su di loro. Ad esempio, calcolando una media di 600 euro annui per il solo trasporto, si raggiunge un costo di 3000 euro per studente per i 5 anni delle scuole superiori.

«Alcune amministrazioni sono già intervenute pagando in parte o totalmente gli abbonamenti degli studenti ma serve un investimento regionale: il nostro ambizioso obiettivo è che per gli studenti il costo sia zero, per garantire davvero a tutti il diritto allo studio – aggiunge Manuel Tropenscovino, Segretario per i GD della provincia di Lecco –. Vogliamo proporre delle soluzioni per aiutare le famiglie, collegandoci ai temi fondamentali del rispetto ambientale e della promozione di una mobilità sostenibile. Per questo abbiamo deciso di coinvolgere gli studenti, ma non solo, in un sondaggio che sarà distribuito nei prossimi giorni».

Ascolto, sensibilizzazione e mobilitazione: queste le tre parole chiave del sondaggio sul trasporto pubblico locale per dare voce a chi usufruisce del trasporto pubblico provinciale, con un’attenzione particolare agli studenti e al trasporto su gomma.

«Per questa ragione abbiamo scelto l’inizio del nuovo anno scolastico per lanciare l’iniziativa, nata a seguito di un lavoro di analisi della situazione delle linee lecchesi – è il commento della responsabile Territorio Laura Bartesaghi –. Crediamo nella necessità di un servizio migliore e che il costo del trasporto non debba ricadere sulle famiglie».

Il sondaggio sarà distribuito fuori dalle scuole e dalle stazioni e sarà condiviso sui nostri canali social (Facebook, Instagram, Twitter).